Intervista  a Mariarosa
48 anni, agente di polizia locale
Elena Clemente
Visti da fuori…

Con una serie di interviste esploriamo atteggiamenti e opinioni nei confronti dell’omosessualità

D. Cosa è per te l’omosessualità?

R. E’ un modo di essere e per me ognuno è libero di fare e essere come vuole soprattutto nella sua vita privata. Non è una scelta e non è un modo in cui si diventa. Alcuni riescono a dirlo a se stessi e agli altri molto tardi nella vita, ma in realtà dentro di sé lo sanno.

D. A che punto siamo in Italia?

R. Indietro sicuramente e credo soprattutto per la presenza del Vaticano, ma le persone mi sembra non si facciano molti problemi. Poi in questo periodo se ne parla tanto….

D. Quindi non ritieni ci siano pregiudizi nei confronti degli omosessuali.

R. Magari le persone ci scherzano un po’ sopra, c’è della goliardia, ma io non ho mai assistito ad episodi veramente violenti. Poi certo, dipende dalla sensibilità delle persone. Qualcuno può prendersela, ma io non ho mai pensato che le battute che magari anche tra colleghi si sentono fossero fatte per ferire. Secondo me è in po’un costume e le persone non lo fanno con l’intenzione di discriminare.

D. Quindi secondo te sarebbe utile parlare di più di questi temi, magari per rendere le persone più sensibili e consapevoli.

R. Si, soprattutto nelle scuole dove avvengono molti episodi di bullismo anche a carico delle persone omosessuali. Ma si sa, si trova sempre il soggetto più debole con cui prendersela. Quindi non credo che il bullismo sia strettamente connesso all’omosessualità, ma piuttosto alla diversità e in generale le persone che sono più deboli, magari perché escono dai cosiddetti canoni della normalità, vengono usate come capro espiatorio. Ma trattare di questi temi è utile.

D. Ti capita di parlare di omosessualità?

R. Si, magari si discute di qualche notizia di cronaca o di qualche caso specifico. Ma non in modo particolare…

D. E in famiglia ti capita mai di affrontare l’argomento? Magari con tuo figlio?

R. No, con mio figlio non ne parliamo anche perché lui ha una posizione diversa dalla mia, è meno aperto. Ma io non ritengo sia giusto cercare di fargli cambiare idea…e poi, secondo me sono più parole e nei fatti non credo proprio si rifiuterebbe di incontrare una persona omosessuale o farebbe qualcosa contro….E’ più un idea, come dire c’è il bianco e il nero…è giovane e forse non riesce ancora a capire che esistono le sfumature, che ci possono essere diversi modi. E che ognuno è diverso.

Vedi io il mondo lo divido solo in due categorie: i cretini e i non cretini.